.
Annunci online

politica interna
4 aprile 2012
[Storie] Il Riformista
Persi il numero 1 non ricordo nemmeno perchè. Ma, partendo dal 2, per lungo tempo collezionai ogni numero del quotidiano arancione. E gli scrivevo a quella redazione. Lettere ogni settimana, alcune volte anche ogni giorno. Perchè per la prima volta, in Italia, trovavo a sinistra qualcosa che non fosse scontato, che non fosse chiuso a riccio nell'ovvio conservativo. Qualcosa che aveva il coraggio di dire davvero che un altro modo di essere a sinistra era possibile anche nella Seconda Repubblica. Onore ad Antonio Polito, prima versione, e ad un quotidiano che era più equilibrato, ma non meno interessante del Foglio di Ferrara, riprendendone lo stile della foliazione che a me piaceva tantissimo.
Dice: sì ma lo leggevate in 4. Possibile. Ma eravamo una comunità, pure una comunità di diversi forse, ma avanti e avanguardista, che trovava già allora eco sui famosi nuovi media (e adesso riguardo il mio blog sul Cannocchiale che ha passato il milione di visite).
Poi nel tempo le cose sono un po' cambiate. Polito che cedeva al difetto di troppi giornalisti sedotti da loro stessi, Franchi che combatteva una battaglia persa, il ritorno di Polito che coincideva con errori (tali li valuto da lettore) da eccesso d'ambizione e perdita di carattere e infine Macaluso che ha ricombattuto la battaglia già persa.
In ogni caso per quel che posso dire è stata una bella storia. Che avrebbe meritato di continuare. E che forse continuerà nella penna di quelli che con quel giornale si sono formati e cresciuti. Qualcuno già si trova in altre redazioni, altri hanno i numeri per ambire ancora più in alto.
E del resto anche altri che in quel giornale c'hanno scritto solo mandando mail, per certi versi continuano a loro modo la storia di quella comunità: Il (nuovo) Riformista.


politica interna
29 maggio 2008
[L'Italia è un Repubblica] Fondata sull'arbitrio del potere giudiziario


Se ieri non avete letto l'intervista di Claudio Velardi sul Riformista, potete e dovete farlo oggi. Questo è il link con il testo in word dell'intervista. Io nel cercarla mi sono imbattuto nel blog del neo-assessore al turismo della Regione Campania e vi consiglio di darci un'occhiata, ci sono diversi spunti utili per chi è interessato alla comunicazione politica, quella efficace.
Io gli ho scritto per esprimere la mia modesta, ma totale e sincera condivisione delle sue parole. Non solo condivisione, ma anche profondo apprezzamento per il coraggio ed il rigore con cui è stato formulato il suo pensiero.
Dico davvero, quando accadono cose come la retata napoletana dell'altro ieri è facile farsi prendere dalla rassegnazione di credere ormai che l'Italia sia una Repubblica fondata sull'arbitrio del potere giudiziario. Ed è altrettanto facile arrendersi alla consapevolezza che in nome di ciò questo paese è già stato condannato a sprofondare nei suoi mille problemi. Leggere un'intervista come quella di ieri ridà invece un po' di fiducia. Sapere che certe prese di posizione arrivano da sinistra ridà voglia di crederci.
sfoglia
marzo        luglio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


Oggigiorno tutti hanno spirito. Dovunque si va non si può fare a meno di incontrare persone intelligenti. E' divenuta una vera peste.
Oscar Wilde

Un grande libro

mailme@: tommasociuffoletti-at-gmail.com




Add to Technorati Favorites

Locations of visitors to this page


San Giovanni delle Contee Online
... un blog bucolico!


Tommaso Ino Ciuffoletti

Crea il tuo badge

Visualizza il profilo di Tommaso Ciuffoletti su LinkedIn